“Heroes ” è la testimonianza della musica del futuro

102

Potrebbe essere una delle direzioni future della musica dal vivo, quella vista e sentita con ‘Heroes, il futuro comincia adesso’: è la formula ibrida in live streaming che ha portato il concerto all’Arena di Verona dedicato ai lavoratori della musica anche nelle case di chi aveva acquistato un e-ticket.

Pubblico dal vivo, distanziato e regolato per rispettare le norme anti Covid-19, così come pubblico collegato sulla piattaforma ‘Futurissima’ (e su smartphone attraverso l’app A-Live) e un numero di biglietti elettronici venduti che già venerdì aveva raggiunto quota 30 mila. Un evento, quello di ‘Heroes’ come i precedenti della settimana musicale all’Arena di Verona, dedicato ai lavoratori della musica, 1415 dei quali, hanno affermato sempre gli organizzatori, sono stati regolarmente impiegati per le diverse occasioni in città.

Apertura con Morricone, poi un cast enorme

Con oltre quaranta artisti convocati sul palco, il primo evento pensato e creato per lo streaming ha preso il via alle 18.50 con l’omaggio ad Ennio Morricone firmato da Alex Braga con la giovane arpista elettronica Kety Fusco e il soprano Rosa Feola, per poi proseguire per cinque ore di musica, anzi musiche, perché sullo stesso palco sono salite diverse generazioni e diversi approcci alle note. Tra i tanti e in ordine sparso, Gazzelle con gli Zero Assoluto, Coez ma anche Marlene Kuntz e Afterhours, Fedez, Marracash con Elisa, Elodie, come i Subsonica, Achille Lauro e Brunori Sas.

Sotto i riflettori dell’Arena anche Aiello, Anastasio, Anna, Cara, Coma Cose, Diodato, Elodie, Eugenio In Via Di Gioia, Frah Quintale, Francesca Michielin, Franco126, Gaia, Gemitaiz&Madman, Ghali, Ghemon, Ginevra e Levante. Poi ancora il cantautorato rap di Madame, Mahmood, Margherita Vicario, Mecna, Michele Bravi, Mostro, Nitro, Priestess, Random, Rocco Hunt con Ana Mena, Salmo, Selton, Shiva, The Kolors, Tommaso Paradiso e Willie Peyote.

Tutti i proventi andranno ad un fondo promosso da Music Innovation Hub

Tutti i proventi derivanti da ‘Heroes’ andranno ad alimentare ‘COVID-19 Sosteniamo la musica’, il fondo di Music Innovation Hub promosso insieme a FIMI in partnership con AFI, Assomusica, NUOVOIMAIE, PMI, che è rivolto alle categorie del settore musicale più colpite dagli effetti dell’emergenza e che finora ha già raccolto oltre 500mila euro e sostenuto centinaia di lavoratori in difficoltà.

Commenti da Facebook