The Giver, il dolore della vita quotidiana

78

Immaginate un mondo senza amore, gioia, violenza e crudeltà non esistano. Un mondo in cui vengono seguite delle regole in modo schematico, dove non esistono emozioni e quindi non vi sono colori, un mondo insipido, o forse giusto? The Giver – Il mondo di Jonas, tratta proprio questa tematica.

Diretto da Phillip Noyce e disponibile nelle sale nel 2014, The Giver è un adattamento cinematografico tratto dal romanzo fantascientifico distopico di Lois Lowry, nonché il primo capitolo di una serie di successo formata anche dalle opere La rivincita, Il messaggero e Il figlio.

La trama si concentra su Jonas (Brenton Thwaites) che il giorno del suo diciottesimo compleanno viene scelto dalla società (cosa che accade con tutti i giovani al compimento della maggiore età) come Accoglitore di Memorie, un ruolo non del tutto semplice dato che l’ultimo caso a lui precedente comportò alcuni problemi.

Jonas dovrà vivere questo nuovo percorso insieme al suo mentore, il donatore, interpretato dal magnifico always green Jeff Bridges. La storia si svilupperà con la ricerca di emozioni da parte di Jonas grazie alla spinta del donatore, una ricerca che convincerà anche la sua amica per la quale ha una profonda cotta, Fiona (Odeya Rush), ma ognuno di loro dovrà prestare attenzione onde evitare i pericoli e le barriere imposte da capo Elder, Maryl Streep.

Una storia avvincente che ancora una volta, nonostante le difficoltà, il dolore e la tristezza quotidiana della nostra epoca, ci fa riflettere su quanto sia importante vivere una vita fatta di emozioni piuttosto che un percorso senza sapore alcuno.

Nel 2015 The Giver ha ricevuto un importante nomination come miglior film drammatico scelto dal pubblico dei People’s Choice Awards

Commenti da Facebook