Dopo 11 anni, Microsoft chiude i suoi store fisici

346

La Microsoft ha comunicato la chiusura definitiva dei suoi Store in tutto il mondo. Rimarranno aperti solo quattro negozi, ma in versione espositiva. Il piano era originariamente previsto per il 2021, ma la pandemia COVID-19 ha accelerato la decisione.

La mossa costerà circa 450 milioni di dollari e i costi si rifletteranno nel trimestre in corso che si chiude il 30 giugno. “Le nostre vendite sono cresciute online con il nostro portafoglio prodotti che si è evoluto verso un’offerta digitale. Siamo grati ai nostri clienti dei Microsoft Store e continueremo a servirli online” hanno spiegato in una nota i dirigenti Microsoft.

L’apertura dei primi negozi era avvenuta nel 2009, fino ad arrivare negli anni al numero attuale di 82. La maggioranza di essi (72) si trova negli Stati Uniti. Gli altri 10 sono in Canada, Porto Rico, Australia e Regno Unito. Lo store di Londra a Oxford Circus, aperto meno di un anno fa, verrà convertito in Experience Center (solo esposizione), come quelli di Sydney, New York City e nel campus di Redmond.

Commenti da Facebook