Film da riprendere: “Mud”

188

Grazie ad Amazon Prime Video sono riuscito a recuperare una pellicola targata 2012 e con protagonista uno dei miei attori preferiti (che si contano sulle dita di una mano), Matthew McConaughey. Il film in questione è “Mud”, un’avventura che vi sorprenderà.

Mud, così sceglie di farsi chiamare il buon Matt, è ricercato dalla polizia del Missisipi per aver ucciso un uomo ricco e violento capace di violentare la donna che lui stesso amava. La sua gelosia morbosa e malsana lo ha portato all’insano gesto, nonostante la donna lo avesse lasciato e ancor di più, nonostante le desse miriadi di motivi per chiudere il capitolo una volta per tutte.

Il protagonista crede in quell’amore e sceglie di difendere la donna per poi scappare in un isoletta deserta in cui si rifugia all’interno di una barca stranamente impigliata tra gli alberi del posto. Tutto quello che l’uomo ha con se oltre a un jeans e una camicia bianca da lui definitia “protettiva”, sono una pistola e qualche scatola di fagioli utili a nutrirsi durante le difficili giornate immerse nella natura.

Un po’ per caso, o forse per gioco, due giovani ragazzini, Ellis (Tye Sheridan) e Neckbone (JacobLofland) si avventurano insieme verso l’isoletta citata e proprio li conosceranno il nostro uomo. Tra chiacchiere e divertimento, nascerà una bella amicizia che più volte verrà messa alla prova. Lo stesso Mud si troverà a chiedere cibo e favori ai due, quest’ultimi utili per poter aggiustare la barca e scappare una volta per tutte.

Un piano non semplice, ma sicuramente possibile per tornare dalla sua amata e cambiare vita… ma tutti i coinvolti dovranno fare i conti con Carver (Paul Sparks) alla ricerca di Mud e della sua amata Juniper (il premio Oscar Reese Witherspoon) per vendicare la morte del fratello.

Oltre alla trama principale, dove amicizia e amore ne fanno da padrone, ci sono anche altri tasti importanti che vengono trattati attraverso il profilo del giovane Ellis, figlio di una coppia vicina al divorzio che rende la vita del ragazzino decisamente più pesante del previsto. A unirsi a questi momenti non propriamente felici, vi è anche l’illusione del primo amore adolescenziale, una situazione in cui solo Mud potrà dare una mano al ragazzo per uscirne nel migliore dei modi.

Ecco quindi il succo del discorso, ci troviamo davanti a un film più profondo di quanto possa sembrare, un lavoro ben fatto che al suo interno racchiude molteplici morali oltre che un buon montaggio video che ne testimonia la qualità del lavoro diretto da Jeff Nichols.

Lottare per amore, per i propri diritti, per la libertà. Mud tocca questi temi con aggressività, ma scoprirete una profondità tale che vi renderà soddisfatti di avergli concesso un occasione. Sempre se non lo abbiate già fatto.

Commenti da Facebook