Aadam ed Eeva, la favola di Paasilinna

261

Arto Paasilinna è stato uno dei massimi scrittori finlandesi, con milioni di copie vendute in Finlandia e una produzione letteraria tradotta in ben quarantacinque lingue. In Italia, a partire dal 1994, è la casa editrice Iperborea a pubblicare le sue opere. Nonostante Paasilinna sia scomparso nell’ottobre del 2018 i suoi romanzi pubblicati in lingue italiana sono finora diciotto a fronte di una produzione ben più vasta. L’ultimo libro dell’ex guardaboschi e poeta finnico pubblicato dall’Iperborea è Aadam ed Eeva, uscito nelle librerie a novembre 2019.

Il romanzo si apre con l’ennesimo esperimento fallito di Aadam Rymättylä, imprenditore nel settore dell’elettrochimica. Nel suo capannone alla periferia di Helsinki, Aadam rimugina su un’idea che rivoluzionerebbe il sistema energetico mondiale. Ma, nonostante sia ad un passo dal mettere a punto quest’invenzione geniale, la sua situazione economica e la sfortuna lo portano in cella.

Già, perché ormai Aadam vive da mesi nel suo capannone costretto a mantenere i suoi sette figli generati con tre mogli diverse e il semplice commercio di batterie per auto non riesce ad affrancarlo dalla sua condizione debitoria. Sarà la sua avvocatessa, Eeva Kontupohja, a liberarlo, a credere in lui e nel suo spirito inventivo. Grazie ad Eeva, Aadam, riuscirà così a produrre una batteria ultraleggera che porterà prosperità ad entrambi tra vari episodi bislacchi.

Per chi non ha mai letto Paasilinna sarà una piacevole sorpresa, per chi invece ne è un appassionato sarà l’ennesima conferma da gustare col sorriso. Si ride, si ride parecchio, fino all’ultima pagina ma si riflette anche su tematiche più che mai attuali, su tutte quelle legate al rispetto dell’ambiente e le continue contraddizioni dell’essere umano. Ci troviamo davanti ad una favola i cui protagonisti sono due novelli Adamo ed Eva proiettati verso una nuova epoca per l’umanità.

Insomma, un romanzo la cui qualità non è assolutamente in discussione. Da consigliare a tutti, a chi ama i romanzi umoristici, ma anche quelli fantascientifici e, perché no, anche i thriller. Con Paasilinna ogni argomento è buono e non ci si annoia proprio mai.

Commenti da Facebook