Le uscite che non puoi perdere / 18 aprile

150

Per gli scaramantici ieri poteva essere un giorno disastroso, per la musica però non tanto. In tempi di quarantena anche per le uscite discografiche, oggi vi segnaliamo tante ottime proposte principalmente dal panorama indie-pop.

Annalisa – House Party. Ultimamente sta dimostrando di avere un’impronta e una personalità diverse da quelle delle colleghe che sono sempre state affiancate al suo nome. Tanti stanno sfruttando la quarantena per produrre musica e a giudicare dal titolo della canzone lei fa parte del club.

Frah Quintale – Buio di giorno. Uno dei nomi più caldi del panorama indie, pop, rap, torna con un nuovo singolo che va ad aggiungersi ai precedenti, sfornati dopo tanto tempo dall’uscita del primo disco Regardez Moi, in attesa del successivo.

Gianluca Grignani – Dimmi Cos’hai. Ritorno di fiamma per una leggenda della musica italiana degli ultimi vent’anni, ricordato sia per belle canzoni (anche se poche) e per altri aneddoti un po’ meno felici. Bello rivederlo in carreggiata.

I Segreti – Non cambierà. Con il loro primo disco Qualunque cosa sia hanno conquistato mezza Italia a colpi di indie, malinconia e tanta sincerità. Anche loro come il rapper di Brescia lasciano che l’attesa si allunghi colmandola con qualche singolo nuovo.

Margherita Vicario – Pincio. Un altro nuovo singolo nel giro di poche settimane, non si ferma di fronte a nulla la cantautrice che finora continua a convincere anche se singolo dopo singolo forse è il momento di un vero album.

San Diego – ù. Uno dei cantanti più originali provenienti dalla scena romana torna con un nuovo album dopo aver stregato tutti con il primo intitolato Disco a suon di sintetizzatori e nostalgia.

Tommaso Paradiso – Ma lo vuoi capire?. Ancora il suo nome in mezzo alle uscite settimanali, la scorsa settimana insieme a Elisa e stavolta da solo (con Dardust alle macchine) con il terzo singolo della sua nuova carriera solista che finora convince.

Viito – Benzina. Ritorno anche per il duo romano dopo un lungo periodo di “silenzio discografico” e dopo i numerosi intrattenimenti portati in questa quarantena.

Commenti da Facebook