I cerchi nell’acqua, l’ultimo noir di Alessandro Robecchi

279

È uscito in libreria il 12 marzo, giusto in tempo per il lockdown, il nuovo romanzo di Alessandro Robecchi I cerchi nell’acqua, edito da Sellerio.

Si tratta del settimo romanzo incentrato sulle vicende dell’autore tv Carlo Monterossi e dei due sovrintendenti della questura di Milano Tarcisio Ghezzi e Carella. Stavolta, però, il noto autore tv e appassionato di Bob Dylan appare solo sullo sfondo. La narrazione si apre con Ghezzi e sua moglie, la Rosa, ospiti a cena da Monterossi e la sua compagna, Bianca Ballesi. Sarà da una discussione tra l’autore tv e il sovrintendente che parte il lungo racconto di quest’ultimo.

Il vicequestore Gregori lavora sull’omicidio di un artigiano nella zona dei Navigli, il caso è affidato al sovrintendente Ruggeri. Carella è in ferie, in questura le voci su di lui sono poco confortanti, bazzica in ambienti poco raccomandabili, gira con un macchinone, parecchi cominciano a dubitare sulla sua morale. In realtà il sovrintendente Carella sta seguendo un certo Alessio Vinciguerra, tizio poco raccomandabile con cui vorrebbe fare due conti, in privato naturalmente. Mentre Ghezzi si ritrova improvvisamente, in un’indagine non ufficiale, sulle tracce di Salina, un ladro di quart’ordine che è stato il primo arresto della sua carriera ben trent’anni prima.

Queste sono le due avventure che si accavallano tra loro e si intrecciano inevitabilmente in questo romanzo. Un sassolino lanciato nell’acqua ferma produce un cerchio, poi un altro e un altro ancora. Come un delitto, la scia di dolore che lascia produce lo stesso effetto dei cerchi nell’acqua.  

Robecchi conferma lo stile narrativo che in questi anni ha animato i suoi romanzi. Anche questo è un noir intenso, con parecchi spunti di riflessione e il solito spirito di denuncia sociale emerso anche nelle opere precedenti. Probabilmente non è il miglior libro con cui innamorarsi di Ghezzi, Carella e tutti i personaggi che ruotano intorno alle storie dell’autore. Ma è l’ulteriore conferma di Alessandro Robecchi come uno dei più talentuosi scrittori del panorama italiano.

Commenti da Facebook