Film da rivedere: Justice League

172

Effettuare l’accesso al proprio account Netflix sembra ormai un usanza quotidiana in particolare in questo periodo, ebbene ho fatto lo stesso anche oggi imbattendomi in una classifica dei Top 10 Film tra cui presenzia anche Justice League.

Pellicola Warner Brothers che racconta le avventure dei supereroi targati DC Comics, uscita nelle sale cinematografiche nel novembre 2017 e si, alla sua prima in Italia (16 novembre 2017 ndr) ero ben presente. D’altronde, da fan sfegatato del supereroe che mi spinge ancora oggi a leggere i suoi splendidi fumetti (per la cronaca, Batman), cosa vi aspettavate? Forse è stata proprio questa fame da fan a spingermi nuovamente nella visione e, come allora, anche oggi mi chiedo cosa ci trovi di così negativo gran parte del pubblico?!

Parliamoci chiaramente, Batman V Superman con le sue tenute dark e la fase lottata tra l’Uomo Pipistrello e l’Uomo d’Acciaio, sarebbe stato perfetto senza un Luthor alla Joker e la scialba scusante di un nome in comune (la madre di Clark con quella di Bruce, entrambe Martha); Justice League infatti rimedia a questi errori creando un degno seguito al suo predecessore mostrando ogni tipo di filo logico e porta in scena i più importanti eroi DC uniti per salvare il mondo.

Una pellicola che apprezzo nuovamente anche per il coraggio di pompare a dovere un avversario di secondo piano come Steppenwolf (Ciaran Hinds) utile per imboccare il percorso che porta dritti a Darkseid e che ahimè non vedremo mai sui grandi schermi (almeno per il momento).

Ecco, ora che ci penso comprendo il perché di così tante critiche, le quali sono dovute per gran parte al paragone con il primo Avengers. Doveroso in effetti e se parlano gli incassi al botteghino (656milioni per JL/1 miliardo e mezzo per Avengers) lo fa anche la storia in se. JL è sicuramente inferiore a quel magnifico capitolo MARVEL che con il tempo ha superato record su record; un villain diverso e già conosciuto con Thor (Loki), personaggi già presentati con film stand alone (Iron Man, Captain America, Thor, Vedova Nera, Hulk, Occhio di Falco), due punti di focale importanza che hanno trainato il sistema denominato Marvel Cinematic Universe.

Quindi esistono davvero errori in Justice League? Pensiamo per esempio ad Aquaman e allora mi chiedo, se davvero vi devo trovare un errore, perché Snyder, Charles Roven o altri addetti non hanno ben pensato di pubblicizzare al meglio quel personaggio in vista di un capitolo esclusivamente a lui dedicato piuttosto che mostrare un Luthor fuggitivo in compagnia del sempre affascinante Deathstroke per mettere pepe riguardo nuovi progetti su Batman e Superman che prima erano in dubbio e ora sono inesistenti?

Si, forse il vero errore presente nel DCEU è stato proprio quello di affidarsi a persone che non hanno avuto fin da subito le idee chiare, senza considerare anche la sfortuna che ci si è messa di mezzo in tutto e per tutto (la morte della figlia di Zack Snyder ha portato il regista ad abbandonare tutto prima del tempo).

Fortuna che alla fine il progetto Aquaman è stato un grande successo, segno che il mondo cinematografico DC è in grande ripresa, come dimostrato anche da Wonder Woman (sempre lodata in ogni sua comparsa e che si prepara al secondo capitolo nelle sale). Punti che confermano come l’azienda sia ben capace di superare i rivali di sempre della MARVEL nel fare film dedicati esclusivamente ad un personaggio, gli stand alone.

Oggi si parla di Snyder’s Cut e di quello che sarebbe dovuto essere, i fatti ci mostrano che non sappiamo se avremo ancora Henry Cavill nei panni di Superman/Kal-El/Clark Kent, Ben Affleck non sarà più il Batman fumettisticamente perfetto visto finora a causa dei suoi problemi dovuti all’alcolismo, Ezra Miller non sa ancora se vestirà o meno i panni dell’uomo più veloce del mondo e quindi i castelli di sabbia che portano a Justice League 2 crollano in toto.

Il mondo cinematografico DC prenderà una nuova piega, continuerà ad abbracciare i progetti WW e Aquaman, mostrerà un nuovo Batman (The Batman, regia di Matt Reeves con Bruce Wayne interpretato da Robert Pattinson, in uscita nel 2021) e chissà, entro qualche anno forse una nuova Justice League cinematografica tornerà a far parlare di se senza creare dubbi o dividere giudici e giurie.

Questo film resta un capitolo da rivedere e da goderselo perché in fin dei conti si lascia guardare attraverso una storia ben raccontata, ti strappa due risate tra battute stile Marvel, mostra un leggero tono dark come solo il mondo DC è capace di fare e dona la giusta dose di stupore davanti a questi profili di lusso che un tempo potevamo ammirare solo su fogli di carta.

Commenti da Facebook