L’estate non cambierà la nostra vita: il Coronavirus ci ha già cambiati

236

Gli italiani stanno attendendo l’estate con trepidazione. Perché significa che la pandemia del Coronavirus sarà un vago ricordo e si tornerà ad uscire di casa. Ma sarà davvero così? In realtà, non del tutto.

L’estate non cambierà la nostra vita, il Coronavirus ha già fatto il suo corso. Dopo ci saranno solo macerie e sarà molto lenta la ricostruzione. È lunga la strada che ci aspetta per tornare alla vita di prima, ammesso poi che la vita di prima si possa davvero fare ancora. Non saranno giorni di feste, concerti, vacanze all’ estero e cenoni al ristorante. No, anche quando il mostro se ne sarà andato dovranno essere rispettate per mesi misure di “distanziamento sociale”.

Pier Luigi Lopalco, epidemiologo dell’ Università di Pisa, ha spiegato: “Dovremo riaprire i rubinetti lentamente, tenendo intanto a casa le persone fragili e mettendo subito in quarantena chi ha una sindrome influenzale. Riprendiamo la nostra vita in questo modo e se la malattia riparte ci fermiamo un’ altra volta“.

Antonio Ferro, vicepresidente della Società italiana di Igiene e direttore della sanità del Trentino, ha aggiunto: “Saranno limitati assembramenti di qualunque tipo, nei luoghi pubblici e privati. Nei locali andrà ripristinata la norma, adottata prima delle chiusure, che chiede un distanziamento adeguato tra gli avventori“.

Commenti da Facebook