La musica si sta adattando alla pandemia

196

Sono ormai passate due settimane esatte da quando in Italia ci siamo dovuti rinchiudere nelle nostre case e mettere la testa fuori dal portone del palazzo solo per poche indispensabili necessità.

Un momento storico anche per tutti, anche per la musica che per la prima volta in tanti anni si ritrova in una situazione di sopravvivenza e riadattamento. Tutto si è allineato e davvero tutti stanno a casa: chi stava sul palco in un palazzetto o in un club di fronte a migliaia di persone, chi stava promuovendo il proprio disco in radio e televisione, chi andava in un locale a sentire il suo artista preferito, tutti catapultati da dimensioni nettamente diverse alla stessa e unica al momento. Chi ascolta musica sta a casa, chi la fa anche.

Il mercato discografico non si è totalmente fermato: molte uscite sono state rimandate, altre sospese e altre ancora addirittura cancellate. In una situazione così è difficile trovare rapidamente una soluzione al problema, un problema che chissà quanto durerà ancora, non solo in Italia.

Già dalla prima settimana c’è stato un riutilizzo dei social finalmente ricco di contenuti e non di video futili in cui un artista promuove semplicemente la propria musica in arrivo oppure si filma mentre cucina un piatto di pasta. C’è chi ha continuato a farlo, ma dando priorità ad altre cose. Queste sono state fin da subito le dirette: una marea di live in streaming in versione casalinga da parte di chi ha una semplice cameretta e una chitarra e da parte di chi ha uno studio di registrazione super professionale con chitarre, dieci tastiere, quaranta casse e mille microfoni. Tutti però a dare lo stesso identico contributo caloroso.

In un momento in cui poteva soffrire tantissimo, la musica sta trovando piano piano il suo metodo, il suo spirito di sopravvivenza. Durerà ancora tanto a quanto pare ma la risposta artistica in questione sta regalando tante sorprese che solo una situazione così estrema poteva tirar fuori: duetti inaspettati, canzoni che raccontano questo momento, format che dai club hanno trovato sistemazione nelle webcam del proprio pc.

Vi segnaliamo quindi alcune di queste interessanti novità in attesa di scoprirne altre:

Spaghetti Unplugged – Home Edition.

SPAGHETTI UNPLUGGED HOME EDITION VOL. 2

Riguarda la seconda puntata di Spaghetti Unplugged – HOME EDITION – con i contributi di:Michela GiraudGiuliano SangiorgiMichele RiondinoEugenio in Via Di GioiaGianmarco CiampagaleffiFrancesco GabbaniDanilo Cataldi Official Alex Britti OfficialIl coro che non c'èGrazie a Nastro Azzurro, ORBITA e PepperpotA domenica prossima, Spaghetti Gang!

Pubblicato da Spaghetti Unplugged su Domenica 22 marzo 2020

Undamento Mixtube 2020

Covid-19 Freestyle


Commenti da Facebook