8 marzo, FAO dà un segnale contro la malnutrizione femminile

141

Garantire sistemi alimentari sostenibili è possibile solo emancipando le donne di tutto il mondo, riconoscendo e rispettando i loro diritti. Questo è il messaggio che hanno lanciato le tre agenzie delle Nazioni Unite del polo alimentare romano, Fao, Ifad e Wfp per la Giornata internazionale della donna.

La Fao continuerà a fare la sua parte in collaborazione con altri partner, per rafforzare la parità di genere, concretizzare i diritti delle donne e accelerare la loro emancipazione socio-economica“, ha detto il direttore generale QU Dongyu, “solo così raggiungeremo il nostro obiettivo comune: sconfiggere la fame, garantire la sicurezza alimentare ed eliminare tutte le forme di malnutrizione“.

Le donne in particolare nelle aree rurali, fa sapere la Fao, sono fondamentali nella lotta contro la fame e la malnutrizione e nel rendere i sistemi alimentari più produttivi e sostenibili. Coltivano alimenti, riducono le perdite alimentari, diversificano le diete e rendono i prodotti agricoli più commerciabili lungo le catene del valore agroalimentari.

Fao, Ifad e Wfp sanno per esperienza, con esempi alla mano, che quando le donne rurali hanno un migliore accesso alle risorse le comunità hanno più cibo, il loro stato nutrizionale migliora, i redditi rurali aumentano e i sistemi alimentari sono più efficienti e sostenibili. 

Commenti da Facebook