Amici, la “prima” non va (e seguono sbadigli)

160

Nella serata di ieri è iniziato il serale di Amici, arrivato alla diciannovesima edizione. Maria De Filippi e il suo staff hanno voluto rimescolare il programma, togliendo buona parte delle abitudini: le squadre, la sfida diretta tra due allievi, le carte, le polemiche. Il rischio di ripetersi è sempre lì in un angolo, che attende il suo momento.

Ma cambiare non ha giovato, anzi. Sapevano benissimo che alla “prima” qualcosa non avrebbe funzionato e così hanno utilizzato il metodo Festival di Sanremo, infarcendo la puntata con una serie interminabile di ospiti e siparietti. Hanno messo dentro di tutto: Tommaso Paradiso, Loredana Bertè, Gabry Ponte, Vanessa Incontrada, Luciana Littizzetto, Albano e Romina, tutti i cantanti passati dal programma e nel programma (da Emma a J-Ax, da Elisa a Ermal Meta, e via discorrendo). Il tutto si è concluso ad un’ora tarda, tardissima, a tal punto che in più occasioni (sbadatamente?) le telecamere hanno indugiato sugli sbadigli di pubblico e giurati.

Ma il programma? Il programma com’è? Lento, come prevedibile in una prima puntata. C’è tanta confusione ancora sulle regole, mille semafori, non si capisce chi vota e come vota, maglie scendono dal soffitto e gli ospiti travolgono i poveri concorrenti. Che non fosse la serata ideale lo si era notato sin dall’avvio: tolte le Sardine che rappresentano la solita operazione mosca bianca di ogni anno, le gag della Littizzetto sono state lunghe e tremende, a dimostrazione di come anche lei abbia perso da un bel po’ lo spirito comico.

I ballerini hanno fatto le cose in grande, i cantanti hanno stonato tutti. La Bertè lo ha fatto notare più volte, ma è apparsa più come il bastian contrario che altro. Il volto schifato era ben palese, ma a nulla è valso visto che la prima a passare alla seconda puntata è Nyv che non ha azzeccato una nota in quattro esibizioni. Però fioccano i sì e il pubblico urla di giubilo. Alla fine viene eliminato Francesco nel confronto impari con Valentin, e Martina: nessuno si ricorderà neppure che materia seguissero.

Commenti da Facebook