Le uscite che non puoi perdere / 21 febbraio 2020

178

Poche uscite in questo penultimo venerdì del mese, poche ma buone, anzi buonissime.

Egreen – Fine primo tempo. Il nuovo lavoro di uno di quei rapper che avrà sempre
qualcosa da dire e che non finirà mai le cartucce. Per gli amanti del genere non può
essere ignorato.

Frisino – Italian Touch. La nuova leva di Garrincha Dischi, etichetta che ha lanciato Lo
Stato Sociale, rilascia il suo disco d’esordio. Da scoprire.

Generic Animal – Presto. Luca Galizia ha una raffinatezza unica e speriamo davvero
che questo disco possa farlo arrivare ancora di più al grande pubblico. I featuring con
Massimo Pericolo e Franco126 sono la ciliegina sulla torta di un album davvero
originale e caratterizzato da un emo-pop di rarissima eleganza. Da non perdere
assolutamente, fidatevi di noi.

Ghali – DNA. Dopo due anni di singoli qua e là, featuring qua e là, finte cadute dalle
scale dell’Ariston e tantissima aspettativa ecco che arriva il secondo album ufficiale del
ragazzo di Baggio. Non c’è più Charlie Charles alle macchine ma una varietà di
produttori di alto livello tra cui Mace, Venerus, Ava, Zef, Sick Luke, Michele Canova e
altri. Ghali ha inventato un suo modo di fare pop mischiando vari generi musicali, vari
stili di canto e di rap con un disco che a primo impatto appare davvero interessante e
arricchito dalle collaborazioni con Salmo, tha Supreme, Soolking e Mr Eazi.

Ghemon – In un certo qual modo. Ogni album che passa, ogni singolo che lancia,
Ghemon è sempre più black. Un artista così dovrebbe avere più spazio nel nostro
panorama discografico e l’attesa per il disco che uscirà a marzo sinceramente è tanta.

Ozzy Osbourne – Ordinary Man. Ozzy è ancora lì, a 71 anni, a fare musica pestata e
con la sua inconfondibile impronta. A quello che è il suo dodicesimo album hanno
collaborato artisti di un certo spessore quali Chad Smith (batterista dei Red Hot Chili
Peppers) e Duff McKagan (bassista dei Guns N’ Roses) oltre ai featuring, anche questi
poco importanti eh, con Elton John, Post Malone e Travis Scott.

Piero Pelù – Pugili fragili. Anche lui qualche cellula simile a quelle di Osbourne ce l’ha
di sicuro. La voglia di fare casino non gli mancherà ma onestamente non sappiamo cosa
aspettarci dal suo disco.

Valentina Polinori – Trasparenti. Esce oggi anche il secondo album della delicatissima
cantautrice romana che già con il singolo Bosco ci aveva fatto entrare in un atmosfera

Commenti da Facebook