Calciomercato invernale: molto bene l’Inter e la Fiorentina, Lazio non pervenuta

106

Si è conclusa da poche ore la sessione invernale del calciomercato. Un mese movimentato, fatto di alcuni colpi e di qualche assenza. Ad esempio Lazio, Torino e Juventus sono rimaste a guardare, coi bianconeri che hanno acquistato Kulusevski in prospettiva, ma per il resto hanno solo ceduto garantendosi una sonora plusvalenza con Mandzukic e Emre Can.

Sono andate fortissimo l’Inter e la Fiorentina: la prima ha piazzato il colpo Eriksen (in foto), centrocampista di estrema qualità che potrebbe consentirle di fare un bel salto di qualità. Ed ha aggiunto Young e Moses sugli esterni per garantirsi maggiore profondità in due lati un po’ deboli; i viola hanno sparato le cartucce negli ultimi giorni assicurandosi in fila Kouame, Amrabat (per giugno), Igor, Cutrone, Agudelo e Duncan. Manca la ciliegina, Criscito: il capitano del Genoa ha voluto continuare la sua esperienza in Liguria.

Il Milan era partito alla grande con Ibrahimovic e, a parte qualche giusta cessione, non ha chiuso al meglio. Bene il Napoli che ha dato a Gattuso nuova linfa per la fase avanzata (Politano e Petagna), la Roma ha guardato in prospettiva con Perez e Ibanez, l’Atalanta ha lasciato andare gli esuberi ed ha coperto dove era rimasta scoperta. Cagliari, Verona e Udinese hanno aggiunto lo stretto necessario per proseguire la buona stagione.

Si sono rinforzate parecchio il Genoa, il Lecce, il Bologna e la Spal per dare il giusto assalto alla salvezza. Ha pigliato bene anche il Parma, seppur colpita da una serie di incomprensioni con Gervinho e da alcuni infortuni che hanno reso necessario una affannosa ricerca di nuovi giocatori. Si sono fatte notare poco il Brescia e il Sassuolo, anche la Sampdoria ha fatto meno di quanto dovuto a causa di vicissitudini societarie.

Commenti da Facebook