Gli 81 punti di Kobe Bryant

222

Il 22 gennaio 2006 viene ancora oggi ricordato come uno dei giorni topici della storia del basket. Sul parquet dello Staples Center di Los Angeles, Kobe Bryant giocò la partita della vita, conclusasi con 81 punti segnati sui 122 messi a referto dai Los Angeles Lakers contro i Toronto Raptors. Aveva appena 27 anni, aveva già vinto tre titoli NBA consecutivi ma aveva ancora diverse cartucce da sparare.

Ventun canestri su 33 tentativi da due punti, 7 su 13 da tre e 18 su 20 ai tiri liberi. La tattica dei Toronto era stata semplice: chiudere su Kobe. Per un tempo l’idea funzionò, andarono al riposo avanti di quattordici punti, era tutto come previsto. Al rientro dagli spogliatoi, Bryant divenne un altro giocatore e mise a segno 55 punti, cambiando il suo modo di giocare e scompaginando ogni soluzione ragionata dagli avversari.

Una gara che è entrata nella leggenda come la più famosa nella stella carriera del Black Mamba. Davanti a lui solo il record di 100 punti di Wilt Chamberlain del 2 marzo 1962, ma intanto in quella stagione Bryant chiuse con una media di 35.4 punti, la migliore della sua carriera.

Commenti da Facebook